Skip links
Published on: Digitalizzazione documenti

Garanzie degli elettrodomestici: come tutelarsi?

Hai una cena romantica e hai deciso di fare un rollé di branzino e scampi. Ti metti il grembiule di Bruno Barbieri e inizi a cucinare. Poi, all’improvviso, scopri che il tuo forno non funziona. Domani sera la tua squadra del cuore si gioca la Champions League in finale, ma la tua smart tv non ha più segnale.

Devi ricevere un’importante telefonata di lavoro, ma il touch screen del tuo smartphone non risponde ai comandi. Quando un elettrodomestico o un apparecchio elettronico nuovo si rompe scatta il «dramma della garanzia»: dove l’avrò messa?

La garanzia, come funziona?

Ogni prodotto acquistato è garantito 24 mesi per legge. È la cosiddetta «garanzia di conformità», che tutela il consumatore in maniera ampia e completa. Per due anni se il tuo forno, la tua tv, il tuo smartphone o qualsiasi altro elettrodomestico smette di funzionare (o se è guasto fin dall’inizio), puoi farla valere. La «garanzia di conformità», che può essere chiamata anche «garanzia legale» o «garanzia del venditore» o «garanzia europea di conformità», è un tuo diritto «inviolabile» anche se non è richiamata nelle condizioni di acquisto. Insomma questo tipo di garanzia c’è sempre. Inoltre, la «garanzia legale» è valida anche per gli acquisti online e si applica con le stesse modalità. Le altre garanzie, le cosiddette «garanzie commerciali» (o «servizio post vendita» o «garanzia del produttore»), si aggiungono a quella obbligatoria. Si tratta di un servizio che il cliente paga come extra rispetto al costo per avere un prolungamento della garanzia legale o dei vantaggi maggiori.

I tuoi diritti quando acquisti un prodotto

Per far valere la tua garanzia devi contestare la non conformità del prodotto entro due mesi dalla scoperta del problema. Puoi chiedere, a tua scelta, la sostituzione o la riparazione del bene. Soltanto in secondo momento, se le prime due richieste non sono soddisfatte o non possono essere eseguite in tempi adeguati, puoi chiedere la riduzione del prezzo o la risoluzione del contratto con la restituzione dei soldi. Le spese necessarie per rendere conforme i beni sono a carico del venditore. La legge specifica, inoltre, che sono a suo carico anche i costi per la spedizione, i materiali e la mano d’opera. Per far valere il tuo diritto di assistenza su elettrodomestici in garanzia devi rivolgerti a chi ti ha venduto il prodotto.

I documenti necessari: ecco perché è meglio digitalizzarli

Per dimostrare la data di acquisto e, quindi, far valere la garanzia è fondamentale conservare la «prova di acquisto», cioè un documento fiscale rilasciato dal venditore che può essere lo scontrino, la fattura o la ricevuta. In particolare, bisogna prestare attenzione allo scontrino che è stampato su carta termica e, di conseguenza, con il tempo tende a deteriorarsi diventando illeggibile. Ecco perché digitalizzare questo tipo di documentazione diventa un’attività indispensabile.

I tuoi documenti di garanzia sempre a portata di smartphone, in un click

Con Kipy, l’app veloce e sicura per la gestione dei tuoi documenti, grazie all’Intelligenza Artificiale, potrai evitare ricerche frenetiche tra i cassetti della cucina, i faldoni conservati in cantina o tra i fogli ammassati sulla scrivania del tuo ufficio. Da oggi puoi archiviare e gestire tutte le garanzie dei tuoi elettrodomestici e dispositivi elettronici, senza il pericolo che si perdano o si rovinino. Ma cosa più importante, il sistema di notifiche di Kipy ti ricorderà quando le tue preziose garanzie degli elettrodomestici stanno per scadere!

Questo ti verrà ricordato ogni volta che apri l’app, in quanto troverai un avviso nella homepage già da due mesi prima della data fatidica, ma potrai anche scegliere di ricevere mail o notifiche push.
Con un semplice click, poi, puoi recuperare le ricevute di garanzia in modo rapido e agevole, senza perdere tempo. Così ti potrai godere la tua cena romantica, fare il tifo per la tua squadra davanti alla televisione o ricevere la telefonata con una nuova proposta di lavoro.