Skip links
Published on: Digitalizzazione documenti

Cedolini delle buste paga: perché conservarli?

Sono tante, nella vita di tutti i giorni, le occasioni in cui è necessario presentare la tua busta paga. Anche se non esiste un vero e proprio obbligo di conservazione, ti conviene archiviare con cura questi documenti e averli sempre a portata di mano. Ecco perché:

Finalmente hai trovato la casa che desideri ma per trasformare il sogno in realtà devi chiedere un mutuo in banca. Oppure, devi cambiare auto e hai bisogno di un prestito. Hai deciso di acquistare a rate una nuova smart tv per vedere le tue serie preferite in HD, ma al momento del finanziamento ci sono documenti che possono chiederti.

Per quanto tempo conservare i cedolini

Il periodo di conservazione dei cedolini cambia a seconda delle necessità. Per richiedere un mutuo o un prestito, ad esempio, servono le buste paga degli ultimi due anni. Quando sottoscrivi un contratto di affitto, in genere devi presentare le ultime due, ma il proprietario dell’appartamento potrebbe andare molto più indietro nel tempo e chiederti quelle degli ultimi due/tre anni. Non esiste una «regola» valida per tutte le situazioni. Per questo dovresti conservare i cedolini il più a lungo possibile. Magari per sempre. E sapere dove li hai archiviati e come recuperarli, quando servono, in pochi minuti.

In caso di contestazioni, se sei un dipendente

I cedolini sono anche l’«arma» indispensabile con cui affrontare una contestazione retributiva. Per questo è utile conservarle. Se vuoi fare causa alla tua azienda per questioni legate al suo stipendio, la «prova regina» sono proprio i documenti che mettono nero su bianco le somme che il datore di lavoro ti ha versato nel mese cui si riferisce il cedolino del pagamento. In questi casi è fondamentale, quindi, che tu abbia a portata di mano tutte le buste paga relative al periodo che intendi contestare.

Se sei un imprenditore

Conservare i cedolini è utile non solo per i dipendenti, ma anche per gli imprenditori. Le aziende hanno l’obbligo di consegnare il cedolino mensile ai propri dipendenti, ma non quello di conservare le buste paga, tuttavia archiviarle è una decisione opportuna. Innanzitutto in caso di verifica dell’Ispettorato del lavoro: per poter dimostrare di averle consegnate. In questo caso devi conservarle per almeno cinque anni, cioè il periodo entro il quale gli ispettori possono contestare la violazione dell’obbligo di consegna. Poi, può essere utile in caso di contestazione in sede civile. Un dipendente, infine, ti potrebbe presentare una richiesta di copia della sua busta paga. Si può trattare dell’ultimo cedolino ricevuto, ma anche di uno di diversi anni passati. In tutti questi casi il tempismo è fondamentale. Avere un archivio digitale su smartphone come Kipy ti consente di recuperare le buste paga in modo rapido e agevole, senza perdite di tempo e, quindi, di denaro.

I tuoi cedolini, in un click

Con Kipy, l’app veloce e sicura per la gestione dei tuoi documenti, grazie all’Intelligenza Artificiale puoi archiviare e gestire tutte le tue buste paga o quelle dei tuoi dipendenti. Con un semplice click puoi recuperarle in modo rapido e agevole, senza perdere tempo a cercare tra gli archivi, i cassetti o le cartelle del tuo pc. E guidare la tua macchina nuova non sarà mai stato così facile. Scarica Kipy da Apple Store!